• 079 632389
  • 08:30 - 13:00 | 15:30 - 19:30

DIAGNOSI PALAU

DIAGNOSI PALAU

Scheda 6 – Comune di Palau – affidamento servizio tecnico diagnosi energetica e fattibilità intervento di riqualificazione energetica della scuola secondaria di primo grado in via del Faro.

Incarico: Diagnosi Energetica e progetto di Fattibilità Tecnica.

Progetto: Ing. Alessandro Pintus

Periodo: 2018

Committente: Comune di  Palau

Importo lavori:  € 233.286,42  CSP

Categorie lavori: : E.20 103.286,42 – IA.02 € 130.000,00

STATO ATTUALE

Il progetto ha previsto la dismissione dell’impianto a gasolio esistente, quindi caldaia, serbatoio gasolio e corpi scaldanti, ed dell’impianto palestra.

INTERVENTO  IN PROGETTO

Le caratteristiche degli interventi previsti, sono state elaborate in funzione delle specifiche fornite dalla Committenza, nell’ambito di una radicale ristrutturazione dell’impianto di Riscaldamento e riqualificazione delle murature esterne .

A fronte di tali specifiche il progetto prevede la riconfigurazione generale dell’intero impianto. Gli interventi principali in progetto possono sinteticamente riassumersi come segue:

– Rimozione dell’impianto Termico esistente, compreso di caldaia e corpi scaldanti,collettori di distribuzione, linee principali;

– Realizzazione ex-novo di tutte le linee di distribuzione principale dalle pompe di calore ai collettori;

– Realizzazione ex-novo dell’impianto di Riscaldamento-Raffrescamento;

– Realizzazione ex-novo di un termo-cappotto esterno;

– Realizzazione di intonaci esterni e tinteggiature esterne.

Descrizione dell’ intervento

Il presente progetto ha riguardato  la riqualificazione energetica della scuola secondaria superiore di primo grado “Anna Compagnone di Palau”, gli interventi proposti sono :

1) Realizzazione di un termo-cappotto esterno.

2) Realizzazione ex-novo impianto di riscaldamento e condizionamento

1) La realizzazione di un termo-cappotto esterno è necessaria ai fini della riuscita dell’intervento, poiché nelle pareti esterne sono presenti numerosi passaggi di cavi,che ne determinano ponti-termici per cui è necessaria la loro eliminazione, essendo la struttura esistente realizzata con struttura portante in conglomerato cementizio armato con interposta muratura a cassa vuota, risulta la scelta ottimazione per ridurre la dispersione delle pareti opache verticali.

Operativamente si eseguirà la realizzazione di un ponteggio e la rimozione dei cavi dimessi presenti in facciata, ed il ripristino dell’intonaco esistente per eseguire gli ancoraggi e l’incollaggio dei pannelli.

Una volta ultimato il cappotto, si eseguirà la realizzazione di rinforzo con rete a maglia fine, realizzazione intonaci e tinteggiature esterne.

2) La sostituzione dell’impianto a gasolio con un impianto a pompe di calore con funzione modulante a seconda del fabbisogno termico .

Oltre alla flessibilità di utilizzo anche per un futuro per l’acqua calda sanitaria o per l’attivazione di una sorgente termica ausiliaria utilizzabile quando la temperatura dell’aria esterna scende al di sotto di una soglia impostabile o quando la sola pompa di calore si rivela essere insufficiente a soddisfare il carico.

Descrizione del funzionamento invernale

La temperatura dell’acqua in ingresso all’unità, proveniente dall’impianto, è inferiore a quella attesa, quindi il controllo accende il compressore e l’unità funzionerà fino a che non verrà raggiunta la temperatura impostata.

Al raggiungimento della temperatura desiderata il compressore si arresta e rimarrà in funzione la sola pompa di circolazione che continuerà a far circolare l’acqua nell’impianto. L’unità attenderà in questo stato finche la temperatura dell’acqua in ingresso non scenderà nuovamente.

Descrizione funzionamento estivo

La temperatura dell’acqua in ingresso all’unità, proveniente dall’impianto, e superiore a quella attesa e quindi il controllo accende il compressore e l’unita funzionerà fino a che non verrà raggiunta la temperatura impostata.

A quel punto il compressore si arresta e rimarrà in funzione la sola pompa di circolazione che continuerà a far circolare l’acqua nell’impianto. L’unità attenderà in questo stato finchè la temperatura dell’acqua in ingresso non salirà nuovamente.

La distribuzione interna prevista sarà a collettori con saracinesche di intercettazione per ogni utenza.

L’impianto di pompaggio sarà formato da 3 pompe  e verrà alimentato elettricamente da dorsali dedicate a cui farà capo un quadro elettrico principale,queste distribuiranno l’acqua necessaria al buon funzionamento dell’impianto.